Playground Zone 2013, la regina della black music a Solofra: ecco Lisa Sister Hunt e gli O.I.&B.

Lisa HuntSOLOFRA - Non riuscirete a distiguere l'originale! Gli O.I.&B., tribute band di Zucchero, sbarcano mercoledì 24 luglio a Solofra al Playground Zone nell'ambito del loro Gipsy Tour 2013. Con già oltre 60 date in programma in estate, gli O.I.&B. suoneranno i migliori successi del poliedrico artista reggiano, dagli inizi della sua carriera ad oggi. La Band, avvalendosi di musicisti di livello nazionale, attraverso una attenta ricerca dei suoni e degli arrangiamenti, darà vita ad uno spettacolo esaltante e dinamico; passando dalle atmosfere più raffinate delle ballate blues ai ritmi più sfrenati. Particolare attenzione è stata rivolta alle scenografie così da soddisfare un pubblico attento ed i fans più esigenti.

Il programma musicale è stato realizzato in maniera tale da abbracciare un po’ tutta la discografia di Zucchero tenendo più evidenti album come: “Blues”, “Oro Incenso & Birra”, “Spirito di Vino”, “Shake" e “Fly". Brani che vengono riproposti nella maggior parte dei casi fedelissimi agli originali e talvolta (visto che la Band non usa basi) riarrangiati. Quello che la Band offre è sicuramente un concerto raffinato, costruito senza trascurare nulla, sia dal punto di vista musicale che scenico.
 
Ad accompagnare gli O.I.&B. ci sarà anche Lisa 'Sister' Hunt, graffiante backing vocal, da 18 anni accanto al re indiscutibile del soul italiano. La Hunt ha duettato assieme a Ray Charles, James Brown e Luciano Pavarotti. Un viso pieno di vita, simpatia contagiosa e una voce che esce come l’acqua da una fontana. Da anni Lisa Hunt gira il mondo con la sua band e propone il repertorio Rhythm & Blues dell’etichetta americana Motown, di Detroit; città famosa per le sue fabbriche di macchine e per la musica Soul. A Solofra la Hunt porterà in piazza Mercato il meglio della c.d. Black Music; quel miscuglio di sudore, passione, sofferenza e speranza che rende il Rhythm & Blues uno dei generi musicali moderni tra i più affascinanti. Nella sua voce, nel suo muoversi all’unisono al ritmo del basso e nelle sue labbra carnose si mischia tutta la tradizione afro-anglosassone, che ha generato gran parte della musica conservata nella Hall of Fame di Cleveland, Ohio, USA.

pauseplay
/
show/hide